In evidenza
Settembre ragazzi 2015
Settembre ragazzi
Ultime news
Inizio anno oratoriano
Commenti...
24 ottobre 2011

Due grandi eventi hanno caratterizzato l’inizio anno per l’oratorio salesiano di Bra: l’apericena del 30 settembre per i giovani delle superiori e la grande festa di domenica 16 ottobre, appuntamenti tradizionali per il centro giovanile S. Domenico Savio che anche quest anno hanno visto la partecipazione di tanti giovani e adulti.

 

Da alcuni anni ormai sono due le occasioni per dare avvio alle attività dell’oratorio, così da accontentare le varie esigenze e stagioni della vita. La prima, venerdì 30 settembre a partire dalle 19.00, è stata l’AperiCena giovani, con tanto di luci e musica da discoteca, aperitivi e stuzzicherie varie per gli oratoriani under 25, che ha segnato l’inizio ufficiale dei gruppi formativi dell’oratorio: biennio (ogni mercoledì alle 21.00 dal 5 ottobre) e triennio (ogni lunedì alle 21.00 dal 3 ottobre), in attesa che con novembre inizino anche quello di III media e dei giovani universitari.

 

Domenica 16 ottobre, il secondo evento, è stato dedicato interamente alla grande festa che ha coinvolto tutte le anime dell’oratorio.

Il momento centrale della giornata è stato quello della Santa Messa delle 10.00, partecipata dai tanti oratoriani che abitualmente affollano i cortili: cooperatori, i ragazzi che quotidianamente vengono a giocare nei pomeriggi, i ragazzi del progetto CAM,famiglie e bambini del catechismo, ragazzi dello spazio compiti, animatori e catechisti, una piccola rappresentanza della Pgs.

Durante l’Omelia, a partire dalla provocazione offerta dal Vangelo (restituite a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, NdR), don Davis, incaricato dell’oratorio, ha riaffermato che il motivo delle tante iniziative promosse dall’oratorio (sia quelle più tradizionali e tipicamente evangelizzatrici come il catechismo, sia quelle più a carattere sociale come l’estate ragazzi, il dopo scuola o il CAM) è proprio quello indicato nel Vangelo della giornata: restituire a Dio ciò che è suo: l’uomo; senza la condivisione di questa meta non vale neppure la pena di impegnarsi in oratorio come educatori o volontari, ha aggiunto in un passaggio.

Poco prima dell’omelia i tanti catechisti, animatori, educatori e allenatori presenti hanno ricevuto il mandato a svolgere lungo l’anno le loro attività coi più piccoli, con la grande responsabilità di condividere con loro e con le loro famiglie il cammino nella fede verso il Risorto.

Il resto della giornata è proseguito nel clima di famiglia e di festa che caratterizza gli ambienti della casa salesiana di Viale Rimembranze: terminata la S. Messa, i tanti fedeli si sono riversati in un cortile ancora estivo per una sostanziosa colazione e i più piccoli si sono cimentati nei giochi preparati per loro dagli animatori più giovani.

Al pranzo, a base di polenta e salciccia, organizzato dall’associazione dei Salesiani Cooperatori hanno partecipato in più di 150, tra giovani, famiglie e anziani.

Il pomeriggio è stato allietato da una grande caccia al tesoro per i più piccoli e un torneo di calcio a 5. Il tutto si è concluso con la castagnata e la preghiera delle 17.00.

 

Archiviati i festeggiamenti dell’inizio anno i tanti oratoriani sono quindi pronti per un nuovo anno pastorale all’insegna della continua conoscenza e imitazione di don Bosco.

Commenti